2 Aprile 2017 Giornata di consapevolezza sull’autismo
Potenza, palazzo Loffredo, 9.30-13: parleremo di autismo e quotidianità, con le Istituzioni ed esperti di sanità scuola e sociale. Illustreremo i nostri progetti incentrati sulle autonomie e la socializzazione realizzati anche attraverso lo sport. Saranno con noi le associazioni partner Filippide Potentina e CUS Rugby Potenza.
Seguirà il pranzo sociale

Locandina 2 aprile  Locandina pranzo sociale





 

L’Associazione

L’associazione "A.L.A." ONLUS si è costituita nel 2010 per iniziativa di alcuni genitori ed esperti per far emergere anche in Basilicata le notevoli problematiche dell’autismo e degli altri disturbi pervasivi dello sviluppo.

L’associazione promuove la collaborazione con Enti ed istituzioni al fine di favorire la costituzione di una rete di servizi sanitari, sociali, assistenziali, educativi e culturali in favore delle persone affette da sindromi dello spettro autistico e delle loro famiglie.

AUTISMO... lo "spettro" misconosciuto!

L’autismo è la condizione specifica di uno spettro di disturbi neurobiologicamente determinati che comportano disabilità differenti ma significative, a causa della difficoltà ad interagire e comunicare con gli altri.

La sindrome riguarda lo sviluppo globale del bambino compromettendo:

  • la comunicazione verbale e non verbale;
  • il comportamento sociale;
  • l’immaginazione, il gioco, le attività e gli interessi.

Lo sviluppo del linguaggio è molto variabile: alcuni pur avendo una buona capacità di produzione verbale, non ne comprendono totalmente il significato ed hanno difficoltà nella conversazione, mentre buona parte delle persone con autismo classico è muto.

Molti presentano ipersensibilità sensoriali alla luce, ai suoni, al tatto, agli odori e al gusto. Seppure di grado estremamente variabile, da molto grave – compromissione di tutte le aree dello sviluppo e profonda disabiltà mentale – a lieve, con livelli d’intelligenza nella norma o elevati, l’autismo comporta comunque gravi conseguenze, soprattutto nel comportamento sociale.

Bisogni negati alle persone con autismo

Ognuno ha il diritto di vivere una vita piena e soddisfacente, nei limiti e nel rispetto delle possibilità individuali.
La maggior parte delle persone con autismo ha bisogno per tutta la vita di supervisione costante e formazione continua al fine di rafforzare le competenze emergenti e mantenere le competenze acquisite.
Sono improrogabili politiche e prassi veramente inclusive, nelle aree della salute, dell’educazione, del lavoro, della cultura e delle particolari necessità di ogni età della vita.

L’associazione persegue la tutela dei diritti delle persone autistiche ancora completamente negati in Basilicata (art. 3 dello Statuto associativo)